Le alghe in medicina

  • di
Le alghe in medicina

Le alghe sono sempre più spesso impiegate in cucina, negli integratori alimentari, nei prodotti cosmetici e nella medicina, per le loro proprietà benefiche, visto che sono un concentrato di nutrienti, vitamine e sali minerali. Se siete curiosi e volete conoscere quali sono le alghe più importanti per migliorare la salute e il benessere dell’organismo, continuate a leggere questo articolo.

Le proprietà terapeutiche delle alghe

In Oriente, le alghe sono da sempre considerate un’ottima fonte di nutrimento e vengono utilizzate per la preparazione di molte ricette, inoltre sono la base per alcuni prodotti della fitoterapia cinese, per disintossicare l’organismo, ridurre la stanchezza e soprattutto per favorire il dimagrimento. Negli ultimi decenni, anche nel mondo occidentale si sono ben compresi i benefici terapeutici delle alghe e sempre più spesso si è soliti utilizzarle in cucina o per ridurre alcune infiammazioni o ripristinare il corretto funzionamento dell’apparato digerente. Le alghe sono presenti in molti prodotti per la cura del corpo e del viso, infatti sono ricche di antiossidanti, fondamentali per contrastare l’invecchiamento cutaneo.

Wakame

Tra le alghe più apprezzate e utilizzate anche in Europa e in Italia, troviamo la Wakame, che viene soprattutto usata nelle zuppe e nelle minestre a base di miso o nelle insalate miste. L’alga wakame è molto ricca di vitamine e sali minerali, soprattutto ferro e calcio, utili per il rinforzare e rinvigorire le ossa. La wakame contiene una sostanza, la fucoxantina, che è in grado di accelerare il metabolismo, favorendo così il dimagrimento e l’assorbimento dei grassi, per questo viene utilizzata soprattutto nelle diete ipocaloriche. L’alga wakame presenta un’alta percentuale di fibre solubili, che producono un effetto saziante e lassativo, indicato per chi sta cercando di eliminare i chili di troppo.

Kombu o kelp

Tra le alghe più usate in medicina troviamo la kelp o kombu, chiamata in differenti modi in base alla sua provenienza geografica, che si caratterizza per l’alto contenuto di sali minerali e in particolare di iodio, potassio e calcio e vitamine del gruppo B. Questa alga di colore bruno si trova soprattutto negli integratori per la cura della psoriasi, della costipazione e dell’artrite infiammatoria, inoltre è molto efficace per regolarizzare i disturbi dell’apparato digerente. In Cina, l’alga kombu viene utilizzata per eliminare i sintomi della gotta, ma si è rivelata molto efficace anche per chi soffre di obesità o di magrezza eccessiva.

Nori

L’alga Nori è ormai diventata sinonimo di sushi, visto che ogni involtino di riso e pesce viene avvolto in fogli di questa alga dal colore verde chiaro, ma non tutti sanno che oltre al suo ottimo sapore è famosa anche per i benefici che apporta al nostro organismo. L’alga nori è ricca di vitamine A, B, C, sali minerali e Omega 3 e in Oriente viene mangiata ogni giorno, anche dai bambini, per l‘alto contenuto proteico. Questa gustosa alga contiene una buona quantità di taurina, in grado di prevenire l’insorgere del diabete e di regolarizzare le funzioni del fegato, oltre ad essere importante nella cura delle cataratte.

Fucus

L’alga fucus, molto simile alle più famose wakame e kombu, è impiegata soprattutto nei prodotti per il dimagrimento, infatti contiene l’algina, una sostanza in grado di favorire il senso di sazietà e al contempo di ridurre l’appetito. L’alga fucus non viene utilizzata in cucina, ma è disponibile in compresse o in tisane, ed è considerata ottima per ridurre l’acidità gastrica e migliorare i sintomi del reflusso gastroesofageo. Gli indiani d’America sono soliti usare la polvere di alga fucus per curare l’artrite, la gotta e altri problemi muscolari, ma anche per ridurre gli inestetismi della pelle.