Informazione al nervo sciatico: come accorgersene e curarlo



La sciatalgia, o anche detta sciatica, è una condizione che vede l’infiammazione del nervo sciatico, considerato uno dei nervi più lunghi e voluminosi del corpo umano. Difatti questo nervo parte dalla parte inferiore della schiena, attraversa tutta la parte posteriore della gamba fino ad arrivare al piede. Come è facilmente intuibile quando questo nervo va incontro ad uno stato infiammatorio il dolore che ne deriva è alquanto acuto andando a produrre nel paziente una vera e propria condizione invalidante.

IN COSA CONSISTE L’INFIAMMAZIONE AL NERVO SCIATICO

Quando si è in presenza di un’infiammazione del nervo sciatico nella maggior parte dei casi il paziente avverte una sensazione di forte dolore che si origina dalla zona lombare della colonna fino ad attraversare tutto l’arto inferiore, attraversando il gluteo e la gamba. In quasi tutti i casi di sciatica il dolore interessa una sola gamba, ma non è raro trovare casi in cui sono interessati entrambi gli arti inferiori. Tra la sintomatologia dell’infiammazione al nervo sciatico non vi è solo la presenza di un dolore molto intenso ma possono manifestarsi anche altri sintomi, come ad esempio intorpidimento, formicolio, debolezza muscolare e mancanza di sensibilità.
Nella maggior parte dei casi la sciatalgia si può manifestare in casi in cui vi sia la presenza di un’ernia del disco, stenosi vertebrale, sindrome del piriforme oppure nello stato avanzato della gravidanza, a causa del volume dell’utero notevolmente aumentato. Tuttavia ci sono anche dei fattori di rischio che possono favorire un’infiammazione del nervo sciatico. Stiamo parlando di condizioni come ad esempio il diabete, l’artrite, l’invecchiamento, uno stile di vita particolarmente sedentario oppure interventi che hanno richiesto la protesi all’anca.



COME RICONOSCERE UN’INFIAMMAZIONE AL NERVO SCIATICO

Non sempre si riesce a capire quando si tratta realmente di sciatalgia oppure di un semplice mal di schiena, dovuto magari ad affaticamento. Ecco perché bisogna prestare molta attenzione ai sintomi, infatti se si è in presenza di un dolore molto acuto e persistente, quasi come se si avvertissero delle vere e proprie scosse elettriche, allora in questo caso non vi è alcun dubbio siamo in presenza di un’infiammazione al nervo sciatico. Se si nota che il dolore è continuo ed aumenta di intensità bisogna immediatamente consultare un medico specialista il quale, attraverso specifiche manovre, contribuirà a confermare la diagnosi di sciatica. Inoltre è possibile che possa richiedere altri esami, come risonanza magnetica ed elettromiografia, i quali aiuteranno a stabilire la gravità dell’infiammazione e il miglior approccio terapeutico.

COME CURARE UN’INFIAMMAZIONE AL NERVO SCIATICO

Il trattamento dell’infiammazione al nervo sciatico è fortemente influenzato dalla causa che l’ha generato. Infatti in caso di infiammazioni lievi sarà sufficiente un periodo di assoluto riposo con la prescrizione eventualmente di alcuni farmaci che possano dare un leggero sollievo. Tra i farmaci generalmente utilizzati per la cura della sciatalgia vi sono gli antinfiammatori come ibuprofene, i miorilassanti e nei casi più acuti i corticosteroidi.
Mentre nel caso in cui l’infiammazione al nervo sciatico sia una conseguenza di un’altra condizione clinica, come ad esempio la presenza di un’ernia del disco, sarà necessario procedere con un intervento chirurgico.
Oltre all’assunzione di farmaci o all’intervento a seconda dei casi potrebbe essere necessaria praticare un po’ di fisioterapia o per lo meno del movimento per prevenire nuovamente la comparsa della sciatalgia.
Vi sono inoltre anche alcuni rimedi naturali che possono favorire la guarigione, come ad esempio infusi a base di zenzero e curcuma oppure tramite l’utilizzo di olio di noce moscata da applicare nella zona interessata dal dolore, in questo modo si andrà ad attenuare la sensazione di dolore. È bene ricordare inoltre l’importanza di una buona idratazione, infatti mantenendo il corpo sempre bene idratato questo sarà meno soggetto a stati infiammatori.